Il motion graphics è una tecnica di animazione che ha avuto un vero e proprio boom negli ultimi 15 anni. Oggi si trova ovunque: negli spot pubblicitari, nei lungometraggi cinematografici, in ambiti più generici, come l’animazione di logo, le interfacce grafiche o l’arte digitale. Ovunque! Naturalmente, si è diffuso anche nel campo dei video istituzionali. Quali vantaggi offre per i video aziendali?

Il motion graphics: che cos’è?

Motion graphics è l’abbreviazione di motion graphic design.

  • Graphics design: progettazione grafica. Si tratta della creazione e della combinazione di simboli, immagini e testi per ottenere una rappresentazione visiva di un’idea o di un messaggio. Per esempio, la sigla di Louis Vuitton (con la L all’interno della V) o i motivi che uniscono geometrie e motivi floreali. Un diamante con un fiore all’interno, il fiore da solo con i colori invertiti e un cerchio contenente un altro fiore: questo è graphic design. Permette di identificare il marchio a prima vista.
  • Motion: significa semplicemente “in movimento”. Significa cioè che vengono utilizzate delle tecniche di animazione.

 

Motion graphics potrebbe essere tradotto semplicemente con “progettazione grafica animata”. È l’arte di dare vita alla grafica attraverso l’animazione.

 

Ogni volta che vedi un logo in movimento, che cambia dimensione, colore, che si illumina o che si sposta, sei di fronte al motion design. L’effetto del metallo accarezzato da un raggio di luce sul logo “Lucasfilm Ltd”, nei titoli di coda dei film Guerre stellari ne è un esempio.

 

Ed ecco un esempio di filmato realizzato in motion graphics:

Scegliere il motion graphics per il proprio video istituzionale

La scelta del motion graphics design per un video aziendale o istituzionale presenta diversi vantaggi. Il primo è la gamma quasi illimitata di possibilità offerte dalla rappresentazione grafica. L’unico limite a ciò che viene rappresentato è il talento dell’illustratore e del motion designer. Si possono creare schemi, rappresentare statistiche, ma anche spiegare situazioni e illustrare concetti o processi complessi. Proprio come nella whiteboard animation (o animazione su lavagna bianca), ci vuole lo stesso tempo a rappresentare una bici o un razzo.

 

Oggi, le tecniche di graphic design consentono di comunicare in qualunque stile. Il materiale può avere un aspetto buffo e insolito, con personaggi naif, o uno stile artistico ed estremamente curato. Si può anche far ricorso all’animazione di foto in 2D o in 3D, ecc. Si possono quindi aprire le porte dell’immaginazione e conferire il tono desiderato al proprio filmato.

 

Il motion design, come la whiteboard animation, non richiede una grande logistica. È facile da realizzare (a seconda del progetto grafico desiderato) e non richiede le attrezzature per la ripresa delle immagini dal vivo. Generalmente, ci vuole meno tempo a realizzare un video istituzionale in motion design.

 

E soprattutto, il motion design è “cool”. È nuovo e allo stesso tempo è al passo con i tempi. È un buon modo per sorprendere i tuoi potenziali clienti e comunicare un’immagine moderna, in linea con le nuove tecnologie. Utilizzando anche i vantaggi dello storytelling nella realizzazione del tuo video istituzionale, puoi progettare un gioiello che potrà essere divulgato e condiviso sui social network. A meno che, naturalmente, tu non utilizzi il motion design per la comunicazione interna.

Combinare il motion design ad altre tecniche di animazione

Per distinguerti e creare un video assolutamente unico, puoi anche combinare diverse tecniche, come la whiteboard animation e il motion design. In questo modo, sommi i vantaggi delle varie tecniche utilizzate. Niente di meglio per dare dinamismo e creare l’effetto sorpresa per il tuo pubblico.

In realtà, sono molte le varianti possibili.
Ecco altri esempi di video.

Il motion graphics desgin e il suo universo

Ricordo una cosa ovvia: la progettazione grafica animata è uno strumento. Permette di fare molte cose… ma è solo uno strumento. In altre parole, è un anello della catena nel know-how del video marketing, che inizia con un brief da cui emergono una o più idee, le quali daranno luogo, con un po’ di cura e di pazienza, a uno script, il quale a sua volta si trasforma in uno storyboard. Entra poi in gioco il motion designer, che fa la propria magia, quindi invia il suo lavoro a un montatore, che potrà aggiungere una voce fuori campo, la musica e degli effetti sonori. Un bel montaggio, una piallatina qua e là, un’ultima lucidata… ed ecco a voi il video istituzionale.

 

Sono quindi molti i talenti che entrano in gioco per dar vita a un filmato in motion design. Ma la tecnica non sostituisce le idee. Ecco perché Videotelling ha creato una comunità di artisti: per coltivare le idee e metterle al servizio delle aziende.

 

Scopri anche che cos’è un’agenzia di motion graphics.